Lolita

Lolita - 1962Lolita: “Mi vuoi bene?”
Humbert: “Completamente”.

Di Lolita conoscevo solo lo spunto: l’amore tra un uomo e una ragazzina. Conoscevo l’atteggiamento provocante di lei. Non ho letto il libro di Nabokov (scritto nel 1955, da cui è tratto il film) e non immaginavo questo Kubrick. L’ossessione di Humbert, professore 40enne, per Lolita, 12enne bionda e maliziosa, è completa, come l’amore che le dichiara dopo averle messo lo smalto alle unghie dei piedi. E’ un’ossessione della mente, fatta di gelosia e paura, ma anche del corpo. La prima si vede, la seconda si intuisce. Il film è del 1962, il tema della relazione tra un 40enne e una 12enne non era semplice da raccontare. Eppure manca il concretizzarsi visivo di quell’ossessione. La sensazione è di vivere un film di 2 ore e mezza in cui non si arriva a niente. Ma poi si capisce che il film riesce a dire molto. C’è la famiglia americana smontata nella sua apparente perfezione, la rassegnazione di Lolita che dopo tanti errori – come definisce lei le sue due storie passate – decide di accontentarsi del marito sordo da un orecchio da cui aspetta un figlio, in cerca di stabilità forse. C’è la dimostrazione che qualcuno osserva sempre quello che siamo, che siano i vicini furbi e curiosi o un amante che si sente tradito. C’è l’idea che amore e ossessione possono ritrovarsi in bilico. Che a volte non si ragiona davanti a quello che si prova. Nella Lolita di Kubrick c’è persino ironia, in alcuni momenti quasi stona, in altri dà respiro alla tensione – anche solo fatta di sensazioni altrui – che si avverte. C’è l’idea che per amore-ossessione-paura di perdere si può arrivare a mettersi da parte, si può essere considerati pazzi, si può rinunciare al lavoro, si può uccidere per gelosia. Anche un professore di Letteratura francese come Humbert può subire questa trasformazione.

Annunci

1 Response to “Lolita”


  1. 1 Jacob novembre 10, 2012 alle 10:41 pm

    Asking questions are really fastidious thing if you
    are not understanding something fully, however this paragraph provides fastidious understanding yet.

    Jacob


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




I BRUSCHI DETTAGLI

Raccontare, vedere poi ascoltare e scrivere. Leggere, chiedere, curiosare. E una pagina bianca per dirlo a qualcuno. Non il Tutto, solo qualche dettaglio

SUL COMODINO

Paul Auster, un po' di Pamuk, Erri De Luca

ULTIME LETTURE

Un uso qualunque di te (Sara Rattaro)

Twitter factor (Augusto Valeriani)

La vita è altrove (Milan Kundera)

1Q84 (Haruki Murakami)

Zita (Enrico Deaglio)

L'animale morente (Philip Roth)

Così è la vita (Concita de Gregorio)

I pesci non chiudono gli occhi (Erri De Luca)

Cattedrale (Raymond Carver)

Lamento di Portonoy (Philip Roth)

Libertà (Jonathan Franzen)

Il dio del massacro (Yasmina Reza)

L'uomo che cade (Don De Lillo)

Il condominio (James G. Ballard)

Sunset limited (Cormac McCarthy)

I racconti della maturità (Anton Cechov)

Basket & Zen (Phil Jackson)

Il professore di desiderio (Philip Roth)

Uomo nel buio (Paul Auster)

Indignazione (Philip Roth)

Inganno (Philip Roth)

Il buio fuori (Cormac McCarthy)

Alveare (Giuseppe Catozzella)

Il Giusto (Helene Uri)

Raccontami una storia speciale (Chitra Banerjee Divakaruni)

Cielo di sabbia (Joe R. Lansdale)

La stella di Ratner (Don DeLillo)

3096 giorni (Natascha Kampusch)

Giuliano Ravizza, dentro una vita (Roberto Alessi)

Boy (Takeshi Kitano)

La nuova vita (Orhan Pamuk)

L'arte di ascoltare i battiti del cuore (Jan-Philipp Sendker)

Il teatro di Sabbath (Philip Roth)

Sulla sedia sbagliata (Sara Rattaro)

Istanbul (Orhan Pamuk)

Fra-Intendimenti (Kaha Mohamed Aden)

Indignatevi! (Stéphane Hessel)

Il malinteso (Irène Némirovsky)

Nomi, cognomi e infami (Giulio Cavalli)

Tangenziali (Gianni Biondillo e Michele Monina)

L’Italia in seconda classe (Paolo Rumiz)

ULTIME VISIONI

Be kind rewind (Michel Gondry, 2007)

Kids return (Takeshi Kitano, 1996)

Home (Ursula Meier, 2009)

Yesterday once more (Johnnie To, 2007)

Stil life (Jia Zhang-Ke, 2006)

Cocaina (Roberto Burchielli e Mauro Parissone, 2007)

Alla luce del sole (Roberto Faenza, 2005)

Come Dio comanda (Gabriele Salvatores, 2008)

Genova, un luogo per dimenticare (Michael Winterbottom, 2010)

Miral (ulian Schnabel, 2010)

Silvio forever (Roberto Faenza, 2011)

Election (Johnnie To, 2005)

Oasis (Lee Chang-dong, 2002)

Addio mia concubina(Chen Kaige, 1993)

La nostra vita (Daniele Luchetti, 2010)

Departures (Yojiro Takita, 2008)

La pecora nera (Ascanio Celestini, 2010)

Flags of our fathers (Clint Eastwood, 2006)

L'uomo che fissa le capre (Grant Heslov, 2009)

Buongiorno Notte (Marco Bellocchio, 2003)

Vallanzasca - Gli angeli del male (Michele Placido, 2010)

Paz! (Renato De Maria, 2001)

Stato di paura (Roberto Burchielli, 2007)

Gorbaciof (Stefano Incerti, 2010)

L'esplosivo piano di Bazil (Jean-Pierre Jeunet, 2008)

Confessions (Tetsuya Nakashima, 2010)

127 ore (Danny Boyle, 2010)

Qualunquemente (Giulio Manfredonia, 2011)

American life (Sam Mendes, 2009)

Look both ways (Sarah Watt, 2005)
maggio: 2008
L M M G V S D
    Giu »
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031  

In un tweet


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: