Prova a fare il criminale

Gta - 1997LIBERTY CITY Lo scopo del gioco è sempre stato quello di eseguire gli ordini di un boss che dall’alto ti dirigeva e tu piccolo e insignificante criminale dovevi girare per una città vista dall’alto a rubare auto e scappare dalla polizia. Oppure potevi infischiartene delle missioni e girare liberamente per la città. Ricordo di aver giocato al primo Grand Theft Auto (uscito nel 1997) con mio fratello. Ci piaceva rubare più auto possibili, ammucchiarle in mezzo ad una strada fino a bloccarla e sparare per farle saltare in aria.

Non ho mai pensato si potesse fare anche nella vita reale. La grafica del videogioco aiutava molto a mantenere le distanze. Le immagini sgranate, i pixel piuttosto visibili, la visuale dall’alto e la scarsa identificabilità del personaggio (jeans e maglietta gialla, un puntino in mezzo a tanti) contribuivano a non immedesimarsi. Della penultima edizione (Gta San Andreas, uscito nel 2004) sono stata semplice spettatore. Mio fratello “comandava” Carl Johnson, delinquente muscoloso ma da tenere in forma, con canottiera bianca e catenozzo d’oro al collo. Lo aiutavo a scegliere i vestiti nuovi per guadagnare punti e notorietà. Avevamo stampato le mappe della città perché altrimenti era impossibile portare aventi le missioni senza perdersi.

Gta IV - 2008Il 29 aprile è uscito Gta IV. Grafica curata, simulazione al dettaglio. Nella crudezza dei crimini (Le vittime di Niko Bellic, protagonista di questo episodio, si contorcono dal dolore quando gli spara, si rialzano nel tentativo di scappare, poi si riversano a terra in un lago di sangue) ma anche nella precisione con cui viene riproposta New York, mascherata dall’etichetta Liberty City. Ci sono scene di sesso, violenza senza limiti (perché armato di pistola Niko Bellic può sparare anche ai passanti o ad un automobilista per rubargli l’auto).

E’ un videogioco accompagnato ad ogni nuova uscita da critiche e preoccupazioni. La paura è che gli adolescenti, ma non solo, possano immedesimarsi troppo nelle situazioni criminali proposte. E’ il rischio però anche di altri videogiochi più “favoleggianti” e meno duri. Tra la lista delle cose da insegnare ai figli credo si dovrà aggiungere il saper distinguere tra realtà e virtuale.

Internazionale (n° 743, 9 maggio 2008, pag ) propone un articolo sulla “dura vita del killer” (Chris Baker, Slate, Stati uniti): “Grand Theft Auto è il videogioco in cui puoi caricare in macchina una prostituta, fare sesso, pagarla, ucciderla e riprenderti i soldi. Con il procedere del videogioco le vostre azioni più terribili vi si appiccicheranno addosso. Dopo qualche ora di gioco mi sono sentito a disagio perché Gta IV, al contrario di altri videogiochi, fa riflettere sulle azioni terribili che si compiono”.

Annunci

1 Response to “Prova a fare il criminale”


  1. 1 Daveo maggio 14, 2008 alle 5:00 pm

    GTA… quanti ricordi!
    Comunque nessun videogioco è pericoloso a prescindere per le menti dei poveri bambini che ci giocano, è compito di chi li educa (genitori, insegnanti, etc…) fare in modo che rimanga ben delineato il confine tra realtà e videogioco!
    Ricordiamoci che c’è stato chi ha accusato il mitico TETRIS di essere alla base del tragico fenomeno dei “sassi dai cavalcavia”… no comment…


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




I BRUSCHI DETTAGLI

Raccontare, vedere poi ascoltare e scrivere. Leggere, chiedere, curiosare. E una pagina bianca per dirlo a qualcuno. Non il Tutto, solo qualche dettaglio

SUL COMODINO

Paul Auster, un po' di Pamuk, Erri De Luca

ULTIME LETTURE

Un uso qualunque di te (Sara Rattaro)

Twitter factor (Augusto Valeriani)

La vita è altrove (Milan Kundera)

1Q84 (Haruki Murakami)

Zita (Enrico Deaglio)

L'animale morente (Philip Roth)

Così è la vita (Concita de Gregorio)

I pesci non chiudono gli occhi (Erri De Luca)

Cattedrale (Raymond Carver)

Lamento di Portonoy (Philip Roth)

Libertà (Jonathan Franzen)

Il dio del massacro (Yasmina Reza)

L'uomo che cade (Don De Lillo)

Il condominio (James G. Ballard)

Sunset limited (Cormac McCarthy)

I racconti della maturità (Anton Cechov)

Basket & Zen (Phil Jackson)

Il professore di desiderio (Philip Roth)

Uomo nel buio (Paul Auster)

Indignazione (Philip Roth)

Inganno (Philip Roth)

Il buio fuori (Cormac McCarthy)

Alveare (Giuseppe Catozzella)

Il Giusto (Helene Uri)

Raccontami una storia speciale (Chitra Banerjee Divakaruni)

Cielo di sabbia (Joe R. Lansdale)

La stella di Ratner (Don DeLillo)

3096 giorni (Natascha Kampusch)

Giuliano Ravizza, dentro una vita (Roberto Alessi)

Boy (Takeshi Kitano)

La nuova vita (Orhan Pamuk)

L'arte di ascoltare i battiti del cuore (Jan-Philipp Sendker)

Il teatro di Sabbath (Philip Roth)

Sulla sedia sbagliata (Sara Rattaro)

Istanbul (Orhan Pamuk)

Fra-Intendimenti (Kaha Mohamed Aden)

Indignatevi! (Stéphane Hessel)

Il malinteso (Irène Némirovsky)

Nomi, cognomi e infami (Giulio Cavalli)

Tangenziali (Gianni Biondillo e Michele Monina)

L’Italia in seconda classe (Paolo Rumiz)

ULTIME VISIONI

Be kind rewind (Michel Gondry, 2007)

Kids return (Takeshi Kitano, 1996)

Home (Ursula Meier, 2009)

Yesterday once more (Johnnie To, 2007)

Stil life (Jia Zhang-Ke, 2006)

Cocaina (Roberto Burchielli e Mauro Parissone, 2007)

Alla luce del sole (Roberto Faenza, 2005)

Come Dio comanda (Gabriele Salvatores, 2008)

Genova, un luogo per dimenticare (Michael Winterbottom, 2010)

Miral (ulian Schnabel, 2010)

Silvio forever (Roberto Faenza, 2011)

Election (Johnnie To, 2005)

Oasis (Lee Chang-dong, 2002)

Addio mia concubina(Chen Kaige, 1993)

La nostra vita (Daniele Luchetti, 2010)

Departures (Yojiro Takita, 2008)

La pecora nera (Ascanio Celestini, 2010)

Flags of our fathers (Clint Eastwood, 2006)

L'uomo che fissa le capre (Grant Heslov, 2009)

Buongiorno Notte (Marco Bellocchio, 2003)

Vallanzasca - Gli angeli del male (Michele Placido, 2010)

Paz! (Renato De Maria, 2001)

Stato di paura (Roberto Burchielli, 2007)

Gorbaciof (Stefano Incerti, 2010)

L'esplosivo piano di Bazil (Jean-Pierre Jeunet, 2008)

Confessions (Tetsuya Nakashima, 2010)

127 ore (Danny Boyle, 2010)

Qualunquemente (Giulio Manfredonia, 2011)

American life (Sam Mendes, 2009)

Look both ways (Sarah Watt, 2005)
maggio: 2008
L M M G V S D
    Giu »
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031  

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: